Fratture a livello dell'anca e del bacino

Fratture che non coinvolgono l'articolazione dell'anca

Il bacino è il più grande osso del corpo umano. In effetti il bacino è costituito da due ossa simmetriche che sono legate da una cartilagine: la sinfisi pubica.

L’emibacino è costituito da tre ossa che si saldano all’età di 12-14 anni: l’ilion, l’ischion e il pube. Il bacino è il legame meccanico tra la colonna vertebrale e gli arti inferiori.

La colonna vertebrale è incastrata tra le due ossa iliache a livello del sacro. L’articolazione corrispondente è la sacro-iliaca e l’articolazione del bacino, o la giuntura del bacino con la coscia, è l’anca.

Le fratture del bacino sono eccezionali nel bambino, relativamente frequenti nell’anziano che soffre di osteoporosi. Nell’adulto giovane si tratta di fratture dopo un trauma molto violento e la gravità di queste lesioni dipende dallo spostamento dei frammenti e quindi dal coinvolgimento delle parti molli (vasi, arterie, vene, nervi).

Le fratture complesse del bacino sono traumi che mettono l’individuo in pericolo di vita e che richiedono assolutamente una valutazione chiara d’urgenza ed un trattamento immediato.

Fratture1